Associazione Culturale Arti e Spettacolo | Spazio Nobelperlapace, San Demetrio ne’ Vestini (AQ) | Tel. +39 348 6003614 | info@artiespettacolo.org

Strade 2019

Vai a Strade
Condividi

Dodicesima edizione di Strade dal 13 gennaio al 10 marzo 2019.

Ingresso € 10

 

13 gennaio ore 18

Vecchio principe

Omaggio a Saint Exupery

César Brie – Teatro Presente – Arti e Spettacolo
ispirato al Piccolo Principe di Saint Exupery
testo e regia César Brie
con César Brie, Vera Dalla Pasqua, Fabio Magnani

 

3 febbraio ore 18

Mia madre è un fiume

Teatro Del Paradosso – Ass. Cult. Lauretana
di Donatella Di Pietrantonio
premio Campiello 2017 con L’Arminuta
con Irene Cocchini
drammaturgia e regia Giacomo Vallozza

 

24 febbraio ore 18

Sulla morte senza esagerare

Teatro dei Gordi – Tieffe Teatro Milano
ideazione e regia Riccardo Pippa
di e con Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Matteo Vitanza
scene, maschere e costumi Ilaria Ariemme

 

3 marzo ore 18

I will survive

Qui e Ora Residenza Teatrale
testo Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli
con Francesca Albanese, Silvia Baldini, Laura Valli
regia Marta Dalla Via

 

10 marzo ore 18

Desaparecidos#43

Instabili Vaganti
regia Anna Dora Dorno
con Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola, Armida Pieretti
drammaturgia originale Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola
con il patrocinio di Amnesty International Italia



Vecchio principe

13 gennaio ore 18

omaggio a Saint Exupery
In un ospedale geriatrico Vecchio, un paziente anziano, dice di venire da una stella dove ha lasciato un fiore. Antoine l’infermiere lo ascolta, a volte si spazientisce…Il giorno delle visite arrivano il primario, un nipote ubriacone, una nipote donna d’affari sempre attaccata al cellulare e un altro visitatore… Antoine comincia a capire che Vecchio è fedele ai propri ricordi e che il mondo gli sembra assurdo senza amicizia, amore e tempo per guardarsi intorno.


Mia madre è un fiume

3 febbraio ore 18

Le posso solo affabulare la vita.

È la terapia somministrata dalla figlia alla madre che sta perdendo progressivamente la memoria. Nel dispiegarsi del racconto, ci inoltriamo in un mondo arcaico, in un quotidiano scandito dal faticare e dalle stagioni… Sembra un tempo lontanissimo eppure è solo qualche decennio fa. Narrare la vita alla madre vuol dire inevitabilmente delineare la propria. E i nodi irrisolti di una relazione vengono al pettine.


Sulla morte senza esagerare

24 febbraio ore 18

Spettacolo inserito nel Progetto MIND THE GAP

Un omaggio alla poetessa polacca Wisława Szymborska. Maschere contemporanee di cartapesta, figure familiari raccontano, senza parole, i loro ultimi istanti, le occasioni mancate, gli addii; raccontano storie semplici con ironia, per parlare della morte, sempre senza esagerare.


I will survive

3 marzo ore 18

“Il mito greco insegna che si combatte sempre contro una parte di sé, quella che si è superata, un antico se stesso. Si combatte soprattutto per non essere qualcosa, per liberarsi.
Chi non ha grandi ripugnanze non combatte”.
Cesare Pavese

Sono sopravvissuta al parto, alle cadute dal lettino, ai bulli delle elementari, all’amore non corrisposto delle medie, ad un paio di bocciature, ai fallimenti lavorativi, ad un incidente in autostrada, ad un matrimonio lampo e un divorzio eterno, ad una pericolosa reazione allergica, alla morte dei miei genitori… a quarant’anni questa è la norma. Sono una comune superstite del quotidiano.


Desaparecidos#43

10 marzo ore 18

con il patrocinio di Amnesty International Italia

DESAPARECIDOS#43 vuole dar voce alla drammatica vicenda dei 43 studenti scomparsi il 26 settembre 2014 ad Ayotzinapa, in Messico.
Una performance forte, una Re-azione artistica e performativa che mira a metter in luce una tragica realtà, quella delle sparizioni forzate che ancora oggi
affliggono il Paese. Un linguaggio performativo di grande impatto emotivo, …fatta non solo di parole ma anche di azioni fisiche, suoni, canti e immagini proiettate.