Associazione Culturale Arti e Spettacolo | Spazio Nobelperlapace, San Demetrio ne’ Vestini (AQ) | Tel. +39 348 6003614 | info@artiespettacolo.org

Il cielo degli altri – 2004

Arti e Spettacolo > Residenze > Il cielo degli altri – 2004
Condividi

Questo progetto ha due radici.
La prima è il lavoro pedagogico che mi viene spesso offerto e che per anni ho evitato. Non amo insegnare senza farmi carico delle conseguenze di questi insegnamenti. La condizione di chi oggi cerca di fare teatro fuori dai canoni del mercato e delle religioni, mi sembra quanto meno precaria. In questo “progresso” non c’è spazio nè per una manodopera in eccesso, nè per disagi culturali.
Così ho deciso di prendere alcuni allievi e di portarli più lontano. Creare con loro un’opera. Ho posto delle domande – perché fuggiamo, verso dove, alla ricerca di cosa – abbiamo interrogato lo spazio scenico, cercando metafore, allegorie.
L’altra radice è l’indignazione.
L’Italia, paese di emigranti, rifiuta gli immigrati. Si fa sugli altri lo stesso che si è subito in anni non tanto lontani. La povertà si esportava, la ricchezza ce la teniamo stretta.
Avevo paura, nell’iniziare questo lavoro, di produrre una nuova esclusione: fare di un assente il soggetto dello spettacolo. Non volevo parlare soltanto della condizione dell’emigrante nè delle ragioni dell’emigrazione, ma cercare di scoprire la persona, rannicchiata, impaurita, accovacciata, dietro la definizione di emigrante.

Ho scritto delle storie, di tradimenti, lontananze, amori perduti, storie di uomini e donne le cui vite si dissolvono. Di qualcuno ne capiamo il destino, di altri svaniscono le tracce. Anche quello che dice di avercela fatta, che sfrutta i compagni di sventura e fa l’elogio dell’egoismo, abbandona sul bagnasciuga gli indumenti e gli oggetti che avrebbero sancito il suo successo.
Così è nato “Il Cielo degli Altri”.
L’emigrazione verso l’Europa di oggi assomiglia troppo, in forme appena differenti, all’esodo degli italiani verso l’America nel tardo ottocento e verso il nord Europa nella seconda metà del novecento.
Nel cielo degli altri non riconosci le stelle che vedevi da bambino, quando avevi curiosità e tempo per guardarle. Il cielo degli altri è il cielo della nostalgia, della solitudine, della perdita e dell’assenza.
Credo, malgrado tutto, che gli italiani abbiano memoria, che ci siano ancora persone generose, accoglienti, sensibili e solidali, che non sono ancora stanche della povertà degli altri.

César Brie


Locandina

Testo: César Brie, con frammenti del gruppo e di Nazim Hikmet
Regia: César Brie
Attori: Isadora Angelini, Andrea Bettaglio, Serena Cazzola, Deborah Ferrari, Raffaella Tiziana Giancipoli, Alessandro Lucignano, Robert Mc Neer, Guillaume Moreau, Donato Nubile, Luca Serrani
Luci: Francesco Pace
Costumi: Giancarlo Gentilucci
Assistente alla regia: Viviano Vannucci
Assistenti ai costumi: Gabriella Nobile, Tea Primiterra, Pamela Rossi, Pamela Tuzi, Daniela Vespa
Foto: Paolo Porto


Trailer