Associazione Culturale Arti e Spettacolo | Spazio Nobelperlapace, San Demetrio ne’ Vestini (AQ) | Tel. +39 348 6003614 | info@artiespettacolo.org

Ismene – 2007

Arti e Spettacolo > Archivio > Ismene – 2007
Condividi

Ismene, sorella di Antigone, si muove da sola in uno spazio scenico che evoca la propria dimora, la città di Tebe ma, soprattutto, un proprio spazio intimo.
Il personaggio pensa a sé stessa, al rapporto con ciò che la circonda e al rapporto con la guerra, della quale sembra rendersi conto all’improvviso, attraverso l’esercizio della memoria.
Il testo si sviluppa intorno a quattro temi centrali:
la Guerra, intesa non come conflitto circoscritto e limitato ad una data epoca storica, ma come entità devastante che trova nei secoli modi e mezzi per concretizzarsi;
il Ricordo, ossia il tempo della memoria in cui si celano volti, fatti e sogni appartenenti ad un passato sempre vivo iscritto nella nostra storia personale;
la Libertà, in cui si ritrovano le nostre ribellioni, i conflitti interiori, il bisogno di sentirsi slegati da vincoli di potere, controllo e possesso;
il Silenzio, la stasi, l’afonia dell’anima, tutte le parole taciute e tutto ciò che nella vita individuale c’è di più segreto, che al mondo può apparire misero, piccolo e ridicolo, ma che alla fine costituisce la parte più vera di noi stessi.


Locandina

Ismene  Patrizia Bellezza
regia, scene e costumi  Giancarlo Gentilucci
musiche Luigi Pizzaleo
drammaturgia Silvia Cacciatore
disegno luci e aiuto scenografo Daniela Vespa
aiuto costumista Agnese Cattani
tecnico del suono Luigi Rubei
voce Ismene bambina Adriana Bonanni
consulente letterario Roberto Tinti
produzione e distribuzione Arti e Spettacolo, L’Aquila


Presentazione