Associazione Culturale Arti e Spettacolo | Spazio Nobelperlapace, San Demetrio ne’ Vestini (AQ) | Tel. +39 348 6003614 | info@artiespettacolo.org

Strade ragazzi 2018

Condividi

Quarta edizione di Strade ragazzi, dal 9 marzo al 6 aprile 2018.

 

9 marzo

Rosso, Granbaffo e il Doblone dei Caraibi

Teatro dell’Argine
di Ida Strizzi e Giacomo Armaroli
regia Giovanni Dispenza
con Giovani Dispenza e Ida Strizzi

 

21 marzo

Pinocchio

Fantacadabra – Cooperativa Sociale, T. S. A.
ideazione e regia Mario Fracassi
con Santo Cicco, Laura Tiberi e Roberto Mascioletti

 

6 aprile

Che rabbia!

Teatro delle Temperie
di Andrea Lupo con Alessia Raimondi, Camilla Ferrari e Giulia Nasi



Rosso, Granbaffo e il Doblone dei Caraibi

9 marzo

La nostra storia di pirati racconta di Capitan Rosso e di Capitan Granbaffo: due veri lupi di mare, temibili banditi, feroci briganti, terrore degli oceani! Quante navi hanno saccheggiato e quanti bottini hanno depredato! E perché adesso sono rinchiusi insieme nella stessa nave? E il doblone dei Caraibi? Chi l’avrà preso? Ma esiste davvero? E l’eterna lotta tra due capitani nemici per la pelle avrà mai fine? Salpate con noi in questa incredibile avventura!


Pinocchio

21 marzo

In “pinocchio” c’è il viaggio, lo stupore, l’avventura, l’allegria. Pinocchio si rivolge a tutti, grandi e piccini, perché è una storia universale. Proprio come i grandi classici, i drammi di Shakespeare, o l’Odissea, racconta un rito di iniziazione, il passaggio dall’infanzia all’adolescenza di un burattino-bambino alla scoperta del mondo.


Che rabbia!

6 aprile

Che cos’è la rabbia e cosa succede quando siamo presi da questo sentimento così forte? E quando la rabbia è andata via? E ancora, cosa può̀ generare la rabbia? Come la possiamo utilizzare? Un’avventura divertente e coinvolgente che condurrà̀ la protagonista a conoscere personaggi divertenti e ad affrontare avventure inimmaginabili alla scoperta di una delle emozioni primarie presente nella quotidianità̀ di chiunque per scoprire il segreto con cui trasformare ed accettare la rabbia.